Bertolt Brecht : “Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente”


Non mi piace pensare che esiste l’ingiustizia della legge, non mi piace perché è dura da digerire, mi rendo conto che spesso e volentieri si perde traccia degli eventi perché non sono più sensazionali e solo grazie alla diretta conoscenza delle persone coinvolte verrai a sapere che quella storia non è finita così. Ma…………..

“ Non c’è niente di più profondo di ciò che appare in superficie “

Pino Ciampolillo


martedì, agosto 25, 2015

Isola Pulita: Emissioni, pochi dati e rischio infrazione

Emissioni, pochi dati e rischio infrazione 

di Rosario Battiato


Pubblicato l’ultimo rapporto Arpa sull’argomento: “Responsabilità dei trasporti, puntare su rotaie e mezzi elettrici”. Evidenziato per il periodo 2012-2014 il mancato rispetto della raccolta minima dei dati di monitoraggio







PALERMO – L’Arpa ha pubblicato nei giorni scorsi l’inventario delle emissioni in atmosfera della Regione Sicilia, uno dei tasselli fondamentali per la redazione di un Piano di risanamento di qualità dell’aria e per la definizione dei relativi Piani di tutela e risanamento. Tra gli aspetti in evidenza la responsabilità dei trasporti nel bilancio emissivo, l’insufficienza nel monitoraggio, e il rischio di una procedura di infrazione europea.


“La rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria – si legge nel dossier – è ad oggi gestita da diversi enti pubblici (ex Provincia di Agrigento, ex Provincia di Caltanissetta, Comune di Catania, ex Provincia di Messina, Comune di Palermo, Comune di Ragusa, ex provincia di Siracusa)” mentre Arpa Sicilia “gestisce 12 stazioni, operative sin dal 2008”. Nel complesso la rete attuale  risulta costituita per il 48% da stazioni da traffico, per il 28% da stazioni industriali, per il 24% da stazioni di fondo, delle quali 5 di fondo urbano, 8 suburbano e 2 rurali.


In cima alla lista delle preoccupazioni non ci sono soltanto i risultati espressi dalla centraline di controllo, ma anche la quantità dei dati raccolti. “Dai dati di monitoraggio 2012 si evidenzia in alcuni casi un mancato rispetto della raccolta minima dei dati”. L’anno successivo si è registrato addirittura un peggioramento nel rispetto della raccolta minima dei dati e così anche nel 2014, visto che i gestori delle reti “non sono sempre riusciti a garantire la raccolta minima dei dati”. I superamenti sono stati registrati in tutti gli anni presi in esame e per diversi inquinanti (tra cui ozono, particolato, benzene) eppure i risultati potrebbero essere ben peggiori data la scarsa quantità di dati raccolti.


Particolare attenzione è stata inoltre dedicata ad alcuni degli inquinanti principali normati dal D.Lgs. 155/2010 (ossidi di azoto e particolato), per i quali dal 2010 al 2014 si sono registrati superamenti dei valori limite previsti. Del resto proprio per i “superamenti del limite medio annuo degli ossidi di azoto negli anni 2010-2012 la Regione Siciliana rischia una procedura d’infrazione con la Comunità Europea”.


Facendo riferimento al 2012, le emissioni degli ossidi di azoto (circa 77.039 Mg) sono dovute principalmente ai “trasporti che complessivamente contribuiscono per il 68% alle emissioni totali”, di queste il 56% sono dovute ai trasporti stradali (43.296 Mg) e il 12% ad altre sorgenti mobili mentre “gli impianti di combustione nell’industria dell’energia contribuiscono per il 14,5%” e “gli impianti di combustione industriali per circa l’8%”.


Secondo l’Agenzia, considerando l’impatto dei trasporti del bilancio emissivo regionale, e i superamenti nelle zone urbane di Palermo, Catania e Messina, è “intuitivo che dovrebbe essere richiesta dalla Regione ai Comuni metropolitani interessati l’adozione di più ampie zone a traffico limitato (ztl)”. Senza per questo dimenticare che i fondi strutturali “potrebbero utilmente essere impiegati per il rinnovo dei mezzi del trasporto pubblico, preferibilmente con mezzi elettrici o a metano” mentre “nelle aree extraurbane va certamente privilegiato il trasporto su rotaia, potenziando la rete ferroviaria in Sicilia particolarmente antiquata, rispetto al trasporto su gomma”. 

Inoltre, relativamente agli sviluppi futuri sull’elaborazione dell’inventario delle emissioni, si fa riferimento alla necessità di prevedere degli specifici focus sull’impatto emissivo delle tre aree ad elevato rischio di crisi ambientale.



I dati. Le sostanze presenti nell’aria
PALERMO – Nella conclusioni del rapporto l’Arpa scrive che, nel periodo 2005-2012, le “emissioni di quasi tutti gli inquinanti mostrano una diminuzione, se calcolata al netto del contributo degli incendi, ad eccezione di ammoniaca e PCB (policlorobifenili, ndr)”. Questo non vuol dire che i limiti siano stati rispettati negli anni successivi. Nel 2012 si sono registrati superamenti maggiori di quelli previsti dalla norma per l’ozono, il particolato (PM10) e il benzene. Anche l’anno successivo il limite per l’ozono viene superato in diverse stazioni (una stazione Niscemi, una Catania, quattro a Palermo, due a Siracusa ed una a Messina). Nella stazione Bixio di Siracusa si registra l’unico superamento sia del valore limite giornaliero che annuale del particolato. Nel 2014 l’ozono ha superato i limiti consentiti dalla legge in provincia di Siracusa (Melilli, Acquedotto e Priolo), a Milazzo (Me) e a Enna. Nella stazione Di Blasi a Palermo si registra l’unico superamento sia del valore limite giornaliero che annuale del particolato. Un inquinante, quest’ultimo, che si conferma sempre nella provincia di Siracusa (due stazioni) e Palermo (tre stazioni) per superamenti del limite giornaliero.







ARPA Sicilia Direzione Generale
fax 0916574146

ARPA Sicilia ST Palermo
Via Nairobi 4  PALERMO
fax 0917033345

Provincia Regionale PALERMO
           ambiente@cert.provincia.palermo.it
fax 091 6628275
E p.c.

ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO ED AMBIENTE
        SERVIZIO 1 Via Ugo La Malfa, 169 
90146 – Palermo
fax 091.7077139 

ASSESSORE REGIONALE DEL TERRITORIO E DELL’AMBIENTE
Via Ugo La Malfa, 169 
90146 – Palermo
 fax: 091 7077963

DIRIGENTE GENERALE DEL
DIPARTIMENTO AMBIENTE 
Dott. Maurizio Pirillo
Fax: 091 7077294

Comune di Isola delle Femmine
 comuneisoladellefemmine@viapec.net
fax0918617204

Comune di Capaci
sindaco.comunecapaci@pec.it
fax0918671260


Oggetto: ACCESSO ALLE INFORMAZIONI AMBIENTALI – ITALCEMENTI - DATI DI QUALITA’ DELL’ARIA a partire dalla data di attivazione  fino al 30   DI APRILE 2015 MONITORATI DALLA CENTRALINA SITUATA IN VIA MAZONI ALL’INTERNO DELLA SCUOLA MEDIA RISO, COMUNE  ISOLA DELLE FEMMINE



Visto la Legge 241/1990;
Visto l’articolo 3 del DLgs 19 agosto 2005 n 195;

Il sottoscritto Giuseppe Ciampolillo, nella qualità di coordinatore del Comitato Cittadino Isola Pulita sezione Legambiente di Palermo, con la presente richiede i dati del monitoraggio dei parametri di qualità dell’aria ambiente rilevati dalla data di attivazione fino al trenta  di aprile 2015 dalla cabina posizionata in Isola delle Femmine all’interno del Complesso scolastico Francesco Riso, via Manzoni, Isola delle Femmine (DRS n. 693 del 17.07.2008, AIA ITALCEMENTI)
 In attesa di ricevere nei tempi e nelle forme previste per legge porgo distinti Saluti
         Comitato Cittadino Isola Pulita
           COORDINATORE
           GIUSEPPE CIAMPOLILLO
           posta certificata: GIUSEPPECIAMPOLILLO@pec.it
           email: isolapulita@gmail.com
           SITO:
           
http://isoladellefemmineitalcementieambiente.blogspot.it/


- Ricevuta di avvenuta consegna del messaggio indirizzato a arpa@pec.arpa.sicilia.it "posta certificata" --
Il giorno 06/05/2015 alle ore 13:14:30 (+0200) il messaggio con Oggetto
"ACCESSO ALLE INFORMAZIONI AMBIENTALI ? ITALCEMENTI - DATI DI QUALITA? DELL?ARIA A PARTIRE DALLA DATA DI ATTIVAZIONE FINO AL 30 DI APRILE 2015 MONITORATI DALLA CENTRALINA SITUATA IN VIA MAZONI ALL?INTERNO DELLA SCUOLA MEDIA RISO, COMUNE ISOLA DELLE FEMM" inviato da
giuseppeciampolillo@pec.it ed indirizzato a arpa@pec.arpa.sicilia.it è stato correttamente consegnato al destinatario.
Identificativo del messaggio:
opec275.20150506131429.12348.10.1.16@pec.aruba.it

Ricevuta di avvenuta consegna del messaggio indirizzato a arpapalermo@pec.arpa.sicilia.it "posta certificata" --

inviato da "giuseppeciampolillo@pec.it ed indirizzato a "arpapalermo@pec.arpa.sicilia.it"
è stato correttamente consegnato al destinatario.
Identificativo del messaggio:
opec275.20150506131801.15494.05.1.16@pec.aruba.it

 Ricevuta di avvenuta consegna del messaggio indirizzato a arpa@pec.arpa.sicilia.it "posta certificata" --

Il giorno 06/05/2015 alle ore 13:18:01 (+0200) il messaggio con Oggetto
"ACCESSO ALLE INFORMAZIONI AMBIENTALI ? ITALCEMENTI - DATI DI QUALITA? DELL?ARIA A PARTIRE DALLA DATA DI ATTIVAZIONE FINO AL 30 DI APRILE 2015 MONITORATI DALLA CENTRALINA SITUATA IN VIA MAZONI ALL?INTERNO DELLA SCUOLA MEDIA RISO, COMUNE ISOLA DELLE FEMM" inviato da
giuseppeciampolillo@pec.it ed indirizzato a "arpa@pec.arpa.sicilia.it"
è stato correttamente consegnato al destinatario.
Identificativo del messaggio:
opec275.20150506131801.15494.05.1.16@pec.aruba.it

Ricevuta di avvenuta consegna Il giorno 06/05/2015 alle ore 13:20:04 (+0200) il messaggio
"ACCESSO ALLE INFORMAZIONI AMBIENTALI ? ITALCEMENTI - DATI DI QUALITA? DELL?ARIA A PARTIRE DALLA DATA DI ATTIVAZIONE FINO AL 30 DI APRILE 2015 MONITORATI DALLA CENTRALINA SITUATA IN VIA MAZONI ALL?INTERNO DELLA SCUOLA MEDIA RISO, COMUNE ISOLA DELLE FEMM" proveniente da "giuseppeciampolillo@pec.it"
ed indirizzato a
ambiente@cert.provincia.palermo.it è stato consegnato nella casella di destinazione.
Identificativo del messaggio:
opec275.20150506132004.16454.07.5.16@pec.aruba.it

Ricevuta di avvenuta consegna Il giorno 06/05/2015 alle ore 13:23:12 (+0200) il messaggio
"ACCESSO ALLE INFORMAZIONI AMBIENTALI ? ITALCEMENTI - DATI DI QUALITA? DELL?ARIA A PARTIRE DALLA DATA DI ATTIVAZIONE FINO AL 30 DI APRILE 2015 MONITORATI DALLA CENTRALINA SITUATA IN VIA MAZONI ALL?INTERNO DELLA SCUOLA MEDIA RISO, COMUNE ISOLA DELLE FEMM" proveniente da giuseppeciampolillo@pec.it ed indirizzato a "assessorato.territorio@certmail.regione.sicilia.it"
è stato consegnato nella casella di destinazione.
Identificativo del messaggio:
opec275.20150506132312.18366.02.2.16@pec.aruba.it

Ricevuta di avvenuta consegna Il giorno 06/05/2015 alle ore 13:24:47 (+0200) il messaggio
"ACCESSO ALLE INFORMAZIONI AMBIENTALI ? ITALCEMENTI - DATI DI QUALITA? DELL?ARIA A PARTIRE DALLA DATA DI ATTIVAZIONE FINO AL 30 DI APRILE 2015 MONITORATI DALLA CENTRALINA SITUATA IN VIA MAZONI ALL?INTERNO DELLA SCUOLA MEDIA RISO, COMUNE ISOLA DELLE FEMM" proveniente da giuseppeciampolillo@pec.it ed indirizzato a "assessorato.territorio@certmail.regione.sicilia.it"
è stato consegnato nella casella di destinazione.
Identificativo del messaggio:
opec275.20150506132445.17722.09.2.16@pec.aruba.it

Ricevuta di avvenuta consegna Il giorno 06/05/2015 alle ore 13:25:55 (+0200) il messaggio
"ACCESSO ALLE INFORMAZIONI AMBIENTALI ? ITALCEMENTI - DATI DI QUALITA? DELL?ARIA A PARTIRE DALLA DATA DI ATTIVAZIONE FINO AL 30 DI APRILE 2015 MONITORATI DALLA CENTRALINA SITUATA IN VIA MAZONI ALL?INTERNO DELLA SCUOLA MEDIA RISO, COMUNE ISOLA DELLE FEMM" proveniente da giuseppeciampolillo@pec.it ed indirizzato a "dipartimento.ambiente@certmail.regione.sicilia.it"
è stato consegnato nella casella di destinazione.
Identificativo del messaggio:
opec275.20150506132554.20134.06.1.16@pec.aruba.it


 Ricevuta di avvenuta consegna del messaggio indirizzato a comuneisoladellefemmine@viapec.net "posta certificata" --

Il giorno 06/05/2015 alle ore 13:27:03 (+0200) il messaggio con Oggetto
"ACCESSO ALLE INFORMAZIONI AMBIENTALI ? ITALCEMENTI - DATI DI QUALITA? DELL?ARIA A PARTIRE DALLA DATA DI ATTIVAZIONE FINO AL 30 DI APRILE 2015 MONITORATI DALLA CENTRALINA SITUATA IN VIA MAZONI ALL?INTERNO DELLA SCUOLA MEDIA RISO, COMUNE ISOLA DELLE FEMM" inviato da
giuseppeciampolillo@pec.it ed indirizzato a comuneisoladellefemmine@viapec.net
è stato correttamente consegnato al destinatario.
Identificativo del messaggio:
opec275.20150506132703.19920.09.2.16@pec.aruba.it

 Ricevuta di avvenuta consegna del messaggio indirizzato a comuneisoladellefemmine@viapec.net "posta certificata" --

Il giorno 06/05/2015 alle ore 13:27:40 (+0200) il messaggio con Oggetto
"ACCESSO ALLE INFORMAZIONI AMBIENTALI ? ITALCEMENTI - DATI DI QUALITA? DELL?ARIA A PARTIRE DALLA DATA DI ATTIVAZIONE FINO AL 30 DI APRILE 2015 MONITORATI DALLA CENTRALINA SITUATA IN VIA MAZONI ALL?INTERNO DELLA SCUOLA MEDIA RISO, COMUNE ISOLA DELLE FEMM" inviato da
giuseppeciampolillo@pec.it ed indirizzato a comuneisoladellefemmine@viapec.net è stato correttamente consegnato al destinatario.
Identificativo del messaggio:
opec275.20150506132740.20607.07.1.16@pec.aruba.it

 Ricevuta di avvenuta consegna del messaggio indirizzato a urbanistica.comuneisoladellefemmine@viapec.net "posta certificata" --

Il giorno 06/05/2015 alle ore 13:28:20 (+0200) il messaggio con Oggetto
"ACCESSO ALLE INFORMAZIONI AMBIENTALI ? ITALCEMENTI - DATI DI QUALITA? DELL?ARIA A PARTIRE DALLA DATA DI ATTIVAZIONE FINO AL 30 DI APRILE 2015 MONITORATI DALLA CENTRALINA SITUATA IN VIA MAZONI ALL?INTERNO DELLA SCUOLA MEDIA RISO, COMUNE ISOLA DELLE FEMM" inviato da
giuseppeciampolillo@pec.it ed indirizzato a urbanistica.comuneisoladellefemmine@viapec.net
è stato correttamente consegnato al destinatario.
Identificativo del messaggio:
opec275.20150506132820.21830.03.7.16@pec.aruba.it

 Ricevuta di accettazione del messaggio indirizzato a dapchimicopa@arpa.sicilia.it ("posta ordinaria")
arpa@pec.arpa.sicilia.it ("posta certificata") arpapalermo@pec.arpa.sicilia.it ("posta certificata") --


Il giorno 06/05/2015 alle ore 13:18:01 (+0200) il messaggio con Oggetto
"ACCESSO ALLE INFORMAZIONI AMBIENTALI ? ITALCEMENTI - DATI DI QUALITA? DELL?ARIA A PARTIRE DALLA DATA DI ATTIVAZIONE FINO AL 30 DI APRILE 2015 MONITORATI DALLA CENTRALINA SITUATA IN VIA MAZONI ALL?INTERNO DELLA SCUOLA MEDIA RISO, COMUNE ISOLA DELLE FEMM" inviato da
giuseppeciampolillo@pec.it ed indirizzato a: dapchimicopa@arpa.sicilia.it ("posta ordinaria") arpa@pec.arpa.sicilia.it ("posta certificata") arpapalermo@pec.arpa.sicilia.it ("posta certificata")
è stato accettato dal sistema ed inoltrato.
Identificativo del messaggio:
opec275.20150506131801.15494.05.1.16@pec.aruba.it


 Ricevuta di accettazione del messaggio indirizzato a Dipartimento.ambiente@certamail.regione.sicilia.it ("posta ordinaria") giorgio.dangelo@regione.sicilia.it ("posta ordinaria") --

Il giorno 06/05/2015 alle ore 13:22:13 (+0200) il messaggio con Oggetto
"ACCESSO ALLE INFORMAZIONI AMBIENTALI ? ITALCEMENTI - DATI DI QUALITA? DELL?ARIA A PARTIRE DALLA DATA DI ATTIVAZIONE FINO AL 30 DI APRILE 2015 MONITORATI DALLA CENTRALINA SITUATA IN VIA MAZONI ALL?INTERNO DELLA SCUOLA MEDIA RISO, COMUNE ISOLA DELLE FEMM" inviato da
giuseppeciampolillo@pec.it ed indirizzato a: Dipartimento.ambiente@certamail.regione.sicilia.it ("posta ordinaria") giorgio.dangelo@regione.sicilia.it ("posta ordinaria") è stato accettato dal sistema ed inoltrato.
Identificativo del messaggio: opec275.20150506132213.15369.09.1.16@pec.aruba.it


Al Dirigente Generale
Dipartimento Ambiente

Al Servizio 1
        Dipartimento Ambiente    

All’Assessore Regionale del Territorio e dell’Ambiente

p.c.                                                         Al Presidente della Regione

Alla Procura della Repubblica
Tribunale di Palermo

Al Comando Carabinieri NOE

Al Presidente della IV Commissione
Ambiente e Territorio

Al Comune di Isola delle Femmine

Al Comune di Capaci
          ambiente.comunecapaci@pec.it    



Oggetto: VIOLAZIONE NORMATIVA SUL DIRITTO DI  PARTECIPAZIONE DEL COMITATO CITTADINO ISOLA PULITA SEZIONE LEGAMBIENTE, PORTATORE DI INTERESSI PUBBLICI  (TAVOLO TECNICO DEL 20 NOVEMBRE 2014 SERVIZIO 1 VIA VAS TENUTOSI IN ASSESSORATO) NEL PROCEDIMENTO DI CONCESSIONE A.I.A. ALLA DITTA ITALCEMENTI DI ISOLA DELLE FEMMINE


In riferimento al rapporto del Servizio 1 VIA-VAS n. 19382 del 24 aprile u.s., di pari oggetto, trasmesso dal DG del Dipartimento Ambiente, con nota n. 21908 dell’11 maggio u.s., questo Comitato rileva quanto segue :

  • si premette, innanzitutto, che i 180 giorni per la conclusione del procedimento A.I.A dell’Italcementi del Comune di Isola delle Femmine, avviato il 22 luglio 2014, sono scaduti da oltre 120 giorni, senza che all’orizzonte sembra  intravedersene soluzione. Ciò comporta che l’Italcementi, per i ritardi che codesta Amministrazione ha già accumulato e continua ad accumulare, opera da svariati mesi in una sorta di proroga informale della precedente autorizzazione, per di più di un’autorizzazione sulla cui legittimità questo Comitato ha sollevato da anni pesanti riserve. Come è noto dagli atti di codesto Dipartimento, il firmatario, ing. Vincenzo Sansone, aveva l’incarico di responsabile del Servizio VIA-VAS ed il relativo contratto di lavoro scaduti da oltre 7 mesi, pertanto non era titolato a rilasciare l’autorizzazione; sarebbe poi stato rinominato nel dicembre successivo, cioè dopo 4 mesi dalla firma, con una nomina, in presunta sanatoria, fino al giorno precedente, perché il giorno successivo veniva nominato in un altro Servizio del Dipartimento; su tale incredibile pateracchio amministrativo questo Comitato ha già prodotto la relativa documentazione. E’ opportuno ricordare anche che il responsabile del procedimento di quell’A.I.A. era l’arch. Gianfranco Cannova, assurto alle cronache giudiziarie per vicende giudiziarie legate ad autorizzazioni similari del Servizio VIA-VAS, il quale appare strano che non potesse non avere conoscenza della anomala posizione del suo “capo Servizio”. Di tali singolari fattispecie il rapporto del Servizio 1 non fa il minimo cenno;
  • appaiono incomprensibili le giustificazioni addotte sulla mancata convocazione del 20 novembre  di questo Comitato riguardo a quello che il Servizio 1 definisce per un verso “tavolo tecnico” e per altro verso un “mero incontro informativo/consultivo”, il cui tema di discussione era proprio una delle obiezioni più critiche sollevate da questo Comitato, cioè “le mancate verifiche circa l’ottemperanza o meno alle prescrizioni dettate dal D.R.S. n. 693/08”. Il Servizio 1 si è arrogato la responsabilità, non prevista da alcuna legge, di escludere da una riunione, parte integrante del procedimento unico dell’A.I.A., un soggetto titolato alla partecipazione quale il Comitato, le cui osservazioni erano e restano di carattere tecnico forse ancor più che di ordine amministrativo. Appare persino superfluo ricordare che le norme sul procedimento amministrativo prevedono espressamente con l’istituto delle conferenze dei servizi la partecipazione dei soggetti abilitati e non già tavoli o incontri paralleli ed extra da cui possano arbitrariamente essere inclusi alcuni ed esclusi altri; nel rapporto del Servizio 1, a mo’ di giustificazione, invece, si arriva addirittura ad affermare che il c.d. incontro “esula dagli scopi dello stesso (procedimento”) ! 
  • riguardo le centraline di monitoraggio, che erano una delle tante prescrizioni previste nel citato D.R.S. 693/08 e che sembrerebbero diventate ad oggi l’unico argomento di discussione, questo Comitato richiama ancora una volta alla memoria che esse avrebbero dovuto entrare in funzione entro il mese di luglio del 2010, mentre a distanza di quasi 5 anni (oltre 1760 giorni) non sono ancora attive e se ne sta seraficamente a disquisire. Ciò ha comportato e continua a comportare il mancato monitoraggio in continuo delle immissioni degli inquinanti dell’Italcementi, vale a dire il mancato controllo del loro potenziale impatto sulla salute della popolazione di Isola e dei Comuni del circondario, fattispecie, questa, che il Comitato ritiene di assoluta gravità e responsabilità per i soggetti istituzionali che non hanno operato come dovuto. Anche di questi aspetti il rapporto del Servizio 1 non fa il minimo cenno;    
  • infine, ferme restando tutte le osservazioni e riserve formulate in precedenza riguardo all’ottemperanza o meno delle prescrizioni dettate dal D.R.S. 693/08, questo Comitato, giusto in riferimento al c.d. “tavolo tecnico”, chiede al Servizio 1 di voler comunicare quanti controlli senza preavviso, finalizzati al campionamento ed alla determinazione analitica degli inquinanti sulle emissioni convogliate e diffuse dell’Italcementi (con i relativi referti), gli risultano effettuati direttamente dall’ARPA nel periodo 2009-2015, poco importando gli autocontrolli programmati dall’Italcementi cui ha eventualmente presenziato l’Agenzia.

Il Comitato ribadisce, pertanto, che la  mancata convocazione al tavolo tecnico costituisce una palese limitazione al diritto di partecipazione al procedimento amministrativo in corso, se non una specifica violazione, in danno di chi, come il Comitato, è parte rappresentativa di interessi diffusi della cittadinanza.

Conferma altresì che detta riunione debba ritenersi nulla come ogni eventuale altro atto sequenziale,  torna a sollecitarne la sua tempestiva riconvocazione e, stante che i termini di chiusura del procedimento sono già stati superati da oltre 4 mesi, chiede i motivi per cui non è stata finora applicata la procedura dell’intervento sostitutivo, gerarchicamente superiore, come espressamente previsto dalla normativa vigente (art. 2, commi 9, 9bis, 9ter, L. 241/90), potendosi configurare la duplice ipotesi di responsabilità sia per la violazione della normativa suddetta sia per l’improprio vantaggio che viene a determinarsi per l’Italcementi che continua ad usufruire dell’autorizzazione scaduta e delle prescrizioni inottemperate.
 
Il Comitato fa riserva, ove non dovesse ricevere riscontro entro sette giorni dalla presente, di chiedere l’intervento dell’Autorità Giudiziaria. 

          Comitato Cittadino Isola Pulita
           COORDINATORE    GIUSEPPE CIAMPOLILLO
           posta certificata: GIUSEPPECIAMPOLILLO@pec.it
           email: isolapulita@gmail.com

Isola delle Femmine 30 maggio 2015

n.b. la presente annulla e sostituisce la precedente pec inviata il 29 maggio 2015 alle ore 15,53 da questo medesimo indirizzo  


·          Ricevuta di avvenuta consegna Il giorno 30/05/2015 alle ore 16:28:43 (+0200) il messaggio
"VIOLAZIONE NORMATIVA DIRITTO PARTECIPAZIONE AIA ITALCEMENTI ISOLA PULITA SERVIZIO 1 VIA VAS N. 19382 24 04 DG AMBIENTE NOTA N. 21908 11 05" proveniente da "giuseppeciampolillo@pec.it"
ed indirizzato a dipartimento.ambiente@certmail.regione.sicilia.it è stato consegnato nella casella di destinazione. Identificativo del messaggio: opec275.20150530162839.21349.03.1.17@pec.aruba.it
·          Il giorno 30/05/2015 alle ore 16:28:43 (+0200) il messaggio
"VIOLAZIONE NORMATIVA DIRITTO PARTECIPAZIONE AIA ITALCEMENTI ISOLA PULITA SERVIZIO 1 VIA VAS N. 19382 24 04 DG AMBIENTE NOTA N. 21908 11 05" proveniente da "giuseppeciampolillo@pec.it"
ed indirizzato a assessorato.territorio@certmail.regione.sicilia.it è stato consegnato nella casella di destinazione.
Identificativo del messaggio: opec275.20150530162839.21349.03.1.17@pec.aruba.it
·          Il giorno 30/05/2015 alle ore 16:28:43 (+0200) il messaggio
"VIOLAZIONE NORMATIVA DIRITTO PARTECIPAZIONE AIA ITALCEMENTI ISOLA PULITA SERVIZIO 1 VIA VAS N. 19382 24 04 DG AMBIENTE NOTA N. 21908 11 05" proveniente da "giuseppeciampolillo@pec.it"
ed indirizzato a presidente@certmail.regione.sicilia.it è stato consegnato nella casella di destinazione.
Identificativo del messaggio: opec275.20150530162839.21349.03.1.17@pec.aruba.it
·          Il giorno 30/05/2015 alle ore 16:28:43 (+0200) il messaggio
"VIOLAZIONE NORMATIVA DIRITTO PARTECIPAZIONE AIA ITALCEMENTI ISOLA PULITA SERVIZIO 1 VIA VAS N. 19382 24 04 DG AMBIENTE NOTA N. 21908 11 05" proveniente da giuseppeciampolillo@pec.it ed indirizzato a prot.procura.palermo@giustiziacert.it e' stato consegnato nella casella di destinazione.
Identificativo del messaggio: opec275.20150530162839.21349.03.1.17@pec.aruba.it
·          Il giorno 30/05/2015 alle ore 16:28:40 (+0200) il messaggio con Oggetto
"VIOLAZIONE NORMATIVA DIRITTO PARTECIPAZIONE AIA ITALCEMENTI ISOLA PULITA SERVIZIO 1 VIA VAS N. 19382 24 04 DG AMBIENTE NOTA N. 21908 11 05" inviato da giuseppeciampolillo@pec.it ed indirizzato a comuneisoladellefemmine@viapec.net è stato correttamente consegnato al destinatario.
Identificativo del messaggio: opec275.20150530162839.21349.03.1.17@pec.aruba.it
·          Il giorno 30/05/2015 alle ore 16:28:40 (+0200) il messaggio con Oggetto
"VIOLAZIONE NORMATIVA DIRITTO PARTECIPAZIONE AIA ITALCEMENTI ISOLA PULITA SERVIZIO 1 VIA VAS N. 19382 24 04 DG AMBIENTE NOTA N. 21908 11 05" inviato da giuseppeciampolillo@pec.it ed indirizzato a urbanistica.comuneisoladellefemmine@viapec.net è stato correttamente consegnato al destinatario.
Identificativo del messaggio: opec275.20150530162839.21349.03.1.17@pec.aruba.it
·          Il giorno 30/05/2015 alle ore 16:28:40 (+0200) il messaggio con Oggetto
"VIOLAZIONE NORMATIVA DIRITTO PARTECIPAZIONE AIA ITALCEMENTI ISOLA PULITA SERVIZIO 1 VIA VAS N. 19382 24 04 DG AMBIENTE NOTA N. 21908 11 05" inviato da giuseppeciampolillo@pec.it ed indirizzato a ambiente.comunecapaci@pec.it è stato correttamente consegnato al destinatario.
Identificativo del messaggio: opec275.20150530162839.21349.03.1.17@pec.aruba.it
·          Il giorno 30/05/2015 alle ore 16:28:39 (+0200) il messaggio con Oggetto
"VIOLAZIONE NORMATIVA DIRITTO PARTECIPAZIONE AIA ITALCEMENTI ISOLA PULITA SERVIZIO 1 VIA VAS N. 19382 24 04 DG AMBIENTE NOTA N. 21908 11 05" inviato da giuseppeciampolillo@pec.it
ed indirizzato a: commissione.IV@ars.sicilia.it  ("posta ordinaria") gtrizzino@ars.sicilia.it  ("posta ordinaria")
noepacdo@carabinieri.it  ("posta ordinaria") assessorato.territorio@certmail.regione.sicilia.it  ("posta certificata") dipartimento.ambiente@certmail.regione.sicilia.it  ("posta certificata") presidente@certmail.regione.sicilia.it  ("posta certificata") prot.procura.palermo@giustiziacert.it  ("posta certificata") isolapulita@gmail.com  ("posta ordinaria") ambiente.comunecapaci@pec.it  ("posta certificata") sindaco.comunecapaci@pec.it  ("posta certificata") giorgio.dangelo@regione.sicilia.it  ("posta ordinaria") comuneisoladellefemmine@viapec.net  ("posta certificata") urbanistica.comuneisoladellefemmine@viapec.net  ("posta certificata") è stato accettato dal sistema ed inoltrato. Identificativo del messaggio: opec275.20150530162839.21349.03.1.17@pec.aruba.it


ALL’ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO ED AMBIENTE
   SERVIZIO 1 Via Ugo La Malfa, 169    
90146 – Palermo
Tel. 091.7077121, Fax 091.7077139 

E p.c.
AL PRESIDENTE DELLA REGIONE SICILIANA
ON.LE ROSARIO CROCETTA
PALAZZO D’ORLEANS
PIAZZA INDIPENDENZA 21
90129 PALERMO
Fax 091 7075199 tel 091 7075281

ALL’ASSESSORE REGIONALE DEL TERRITORIO E DELL’AMBIENTE
Via Ugo La Malfa, 169    
90146 - Palermo
tel.: 091 7077870 - fax: 091 7077963


AL DIRIGENTE GENERALE DEL
DIPARTIMENTO AMBIENTE  DELL’A.R.T.A.
Dott. Gaetano Gullo
Via Ugo La Malfa, 169    
90146 - Palermo
091 7077807 - 091 7077223 Fax: 091 7077294

ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA
C/O TRIBUNALE DI PALERMO
PIAZZA V.E. ORLANDO 1
90138 PALERMO

Comado Carabinieri Tutela per l'Ambiente
Nucleo Operativo Ecologico
Piazza Principe di Camporeale 64
90100 PALERMO
tel. 091/6788076, Fax 091 515142  

Al Presidente della IV Commissione
Ambiente e Territorio
c.a. Giampiero Trizzino
fax 0917054564


Oggetto: OSSERVAZIONI  –  Procedimento di rinnovo Autorizzazione Integrata       Ambientale della Italcementi S.p.a. di Isola delle Femmine
  
Con riferimento, alla pubblicazione del giorno 8 agosto 2014, apparso sul sito dell’A.R.T.A. dipartimento: “Avviso pubblico procedura di rinnovo aia per cementeria Italcementi di Isola delle Femmine (ex comma 3, art 29-quater, d.lgs. 152/06 e s.m.i.) “     (vedi allegati 1 e 2  )   
il Comitato Cittadino  Isola Pulita di Isola delle Femmine, associato a Legambiente, formula le seguenti osservazioni:

1.   Il Comitato rileva innanzitutto la nullità del DRS 683 del 18 luglio 2008 in quanto emanato da soggetto che non ne aveva titolo.
L’ing. Vincenzo Sansone, firmatario del provvedimento, non era di fatto il dirigente responsabile del Servizio  VIA-VAS poichè il decreto del Dirigente Generale pro tempore che ne approvava il contratto di lavoro fino al 16 dicembre 2008 è datato 17 dicembre 2008 (DDG n. 1474), cioè risulta essere stato adottato 5 mesi dopo l’autorizzazione concessa dall’ing. Sansone alla Italcementi.
      Nel citato DDG l’arch. Tolomeo fa riferimento alla nota a sua firma, DTA n. 17818 del 29 febbraio 2008, con la quale avrebbe affidato all’ing. Sansone l’incarico di responsabile del Servizio.
       E’ persino superfluo evidenziare che l’affidamento (o attribuzione) di un incarico dirigenziale non può avvenire con una semplice nota ma esclusivamente con un apposito provvedimento. Altrettanto dicasi nel caso di proroga, in quanto, per la gerarchia degli atti amministrativi, essa può avvenire con un provvedimento di pari livello della precedente attribuzione, giammai con una nota.
      Sarebbe come concedere o prorogare una autorizzazione, p.e. alle emissioni in atmosfera, un AIA, ecc., con una nota e non con un provvedimento specifico.
      A tal proposito, il Comitato rileva che deve presumersi che sia il dirigente generale arch. Pietro Tolomeo che l’ing. Sansone non potessero ignorare, per manifesta evidenza, l’illegittimità di una procedura e di una nomina del tutto irregolare, non valida e, di conseguenza, priva di  ogni efficacia amministrativa.
      Ma c’è anche di più.
      Nella nota n. 17818 l’arch. Tolomeo motiva la procedura adottata richiamando l’art. 36, comma 9, del CCRL dell’area della dirigenza.
      Si tratta di un richiamo del tutto improvvido che contraddice completamente il suo stesso operato, in quanto il comma 9 recita “Nelle ipotesi in cui non vi siano modifiche della struttura né motivi che giustifichino eventuali rotazioni o comunque il mancato rinnovo del contratto, e non vi sia una valutazione negativa dell’operato del dirigente, allo stesso deve essere garantita la stipula di un nuovo contratto individuale senza soluzione di continuità per l’azione amministrativa e gestionale entro e non oltre i successivi trenta giorni”.
      Ne consegue che l’arch. Tolomeo ha operato anche in palese violazione del CCRL dell’area della dirigenza e che il conferimento dell’incarico all’ing. Sansone è avvenuto in modo irregolare, illegittimo e non retrodatabile, tutte ragioni per cui, in ogni caso, l’ing. Sansone alla data di emanazione del DRS n. 693, il 17 luglio 2008, non aveva il titolo né il potere occorrenti a formalizzare il provvedimento dell’AIA.      
   
2.   Stanti i rilievi di nullità sollevati al punto 1) il Comitato potrebbe anche esimersi da ulteriori considerazioni. Cionondimeno, la presunta autorizzazione e l’attuale avvio della procedura del suo preteso “rinnovo” si prestano a far eccepire altri motivi di irregolarità anch’essi di manifesta evidenza.
      a) L’art. 6 del DRS n. 693 prevedeva che “Il provvedimento definitivo sarà subordinato alle risultanze della visita di collaudo. Gli enti preposti al controllo esamineranno in quella sede le risultanze della suddetta visita e potranno, se ritenuto necessario, modificare le condizioni e prescrizioni autorizzative”.
      L’art 7 precisava che “L’Autorizzazione Integrata Ambientale viene subordinata al rispetto delle condizioni e di tutte le prescrizioni impartite dalle competenti attività intervenute in sede di conferenza dei servizi…che fanno parte integrante e sostanziale del presente decreto…”. Nelle pagg. 4-11 venivano specificati le “Prescrizioni relative alle attività di recupero di rifiuti come materie prime”, i “Limiti alle emissioni”, le “Prescrizioni relative all’impianto”, le “Prescrizioni relative ai combustibili utilizzati ed ai consumi energetici “, le “Prescrizioni relative ai rifiuti prodotti “ e le “Prescrizioni relative alle attività di monitoraggio (Piano di monitoraggio e controllo)”. Veniva fatto obbligo all’azienda di procedere “entro 24 mesi dal rilascio dell’autorizzazione alla conversione tecnologica (“revamping”) dell’impianto con il completo allineamento alle Migliori Tecnologie Disponibili previste per il settore del cemento…”, ma nel caso del mancato “revamping” “…comunque adeguare l’impianto esistente alle M.T.D. attraverso i seguenti interventi” [quelli sopra specificati].
      Tuttavia, alla scadenza dei 24 mesi risulta che nessuna delle autorità preposte si è premurata di  adempiere agli obblighi discendenti dalle prescrizioni di propria competenza contenute nel DRS n. 693 al fine di rendere definitiva o meno l’autorizzazione.
      b) Il 9 giugno del 2011, a distanza di 36 mesi e cioè con un anno di ritardo, il Servizio 1, riconoscendo che “il decreto prevedeva condizioni e prescrizioni da attuare con scadenze temporali…da effettuarsi entro 24 mesi dalla data di rilascio”, teneva la riunione di un tavolo tecnico “al fine di verificare se la società Italcementi ha provveduto a dare corso alla attuazione delle prescrizioni contenute nel decreto di riferimento”.
      Dalla lettura del verbale risulta che, ad eccezione della Italcementi che dichiara di operare nel rispetto delle prescrizioni previste dall’autorizzazione, inspiegabilmente nessuna delle autorità competenti alle verifiche si pronuncia nel merito, p.e. sugli interventi strutturali, limitandosi la discussione solo ad alcuni aspetti relativi al monitoraggio delle emissioni ed al posizionamento delle centraline di rilevamento degli inquinanti.
      Quindi, il dato che se ne trae e che dopo 36 mesi dal rilascio del provvedimento AIA restavano privi di ogni verifica quei presupposti e quelle prescrizioni che avrebbero dovuto rendere valida e definitiva l’autorizzazione.   

      Da allora ad oggi, cioè a distanza complessiva di 6 anni dal DRS n. 693, la situazione, come è noto e come risulta agli atti, è rimasta del tutto invariata: ai rilievi di nullità del provvedimento si somma anche la mancanza di validità di merito, in quanto nulla è dato a sapere circa il rispetto di tutte le prescrizioni che avrebbero dovuto essere rispettate dall’Italcementi nei termini di 24 mesi dalla data di emanazione dell’autorizzazione.

      Questo Comitato, pertanto, nel sottolineare l’inspiegabile comportamento degli enti deputati al controllo di attuazione del DRS n. 693, fa presente che mancano del tutto i presupposti per procedere al rinnovo di una autorizzazione da considerarsi, in primis, di per sé inesistente e, eventualmente, non più valida almeno dal luglio del 2010.

       Alla luce delle superiori considerazioni, questo Comitato ritiene inattuabile la procedura di  rinnovo essendo, invece, necessaria un’autorizzazione ex novo.
          
         Comitato Cittadino Isola Pulita
           COORDINATORE
           GIUSEPPE CIAMPOLILLO
           posta certificata: GIUSEPPECIAMPOLILLO@pec.it
           email: isolapulita@gmail.com
           SITO:
           http://isoladellefemmineitalcementieambiente.blogspot.it/





Isola delle Femmine 2 settembre 2014
Inviate con posta certificata il giorno 2 settembre 2014
Inviate con rettifica con posta certificata il 2014-09-03
giuseppeciampolillo@pec.it commissione.IV@ars.sicilia.it
gtrizzino@ars.sicilia.it noepacdo@carabinieri.it Dipartimento.ambiente@certamail.regione.sicilia.it assessorato.territorio@certmail.regione.sicilia.it dipartimento.ambiente@certmail.regione.sicilia.it presidente@certmail.regione.sicilia.it isolapulita@gmail.com pciampolillo@gmail.com giorgio.dangelo@regione.sicilia.it giuseppeciampolillo@pec.it OSSERVAZIONI – Procedimento di rinnovo Autorizzazione Integrata Ambientale della Italcementi S.p.a. di Isola delle Femmine ARUBA PEC S.p.A. 03/09/2014 12:49:27 opec275.20140903124927.19389.01.1.17@pec.aruba.it <NBBNE5$E078C1E661CB691A976ADAA3E8AD211B@pec.it>
-- Ricevuta di accettazione del messaggio indirizzato a prot.procura.palermo@giustiziacert.it ("posta certificata") --
Il giorno 04/09/2014 alle ore 16:20:05 (+0200) il messaggio con Oggetto
": OSSERVAZIONI ? Procedimento di rinnovo Autorizzazione Integrata Ambientale della Italcementi S.p.a. di Isola delle Femmine " inviato da "giuseppeciampolillo@pec.it"
ed indirizzato a:
prot.procura.palermo@giustiziacert.it ("posta certificata")
è stato accettato dal sistema ed inoltrato.
Identificativo del messaggio: opec275.20140904162005.15534.02.1.15@pec.aruba.it
L'allegato daticert.xml contiene informazioni di servizio sulla trasmissione
- Ricevuta di avvenuta consegna del messaggio indirizzato a comuneisoladellefemmine@viapec.net "posta certificata" --
Il giorno 05/09/2014 alle ore 15:41:20 (+0200) il messaggio con Oggetto
"OSSERVAZIONI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE DELLA ITALCEMENTI SITO CEMENTIFICIO NEL COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE" inviato da "giuseppeciampolillo@pec.it"
ed indirizzato a
"comuneisoladellefemmine@viapec.net"
è stato correttamente consegnato al destinatario.
Identificativo del messaggio: opec275.20140905154113.03792.08.1.17@pec.aruba.it
Il messaggio originale è incluso in allegato, per aprirlo cliccare sul file "postacert.eml" (nella webmail o in alcuni client di posta l'allegato potrebbe avere come nome l'oggetto del messaggio originale).
L'allegato daticert.xml contiene informazioni di servizio sulla trasmissione

-- Ricevuta di avvenuta consegna del messaggio indirizzato a sindaco.comunecapaci@pec.it "posta certificata" --
Il giorno 05/09/2014 alle ore 15:33:01 (+0200) il messaggio con Oggetto
"OSSERVAZIONI A.I.A. ITALCEMENTI DI ISOLA DELLE FEMMINE" inviato da "giuseppeciampolillo@pec.it"
ed indirizzato a
"sindaco.comunecapaci@pec.it"
è stato correttamente consegnato al destinatario.
Identificativo del messaggio: opec275.20140905153301.31813.03.5.17@pec.aruba.it
Il messaggio originale è incluso in allegato, per aprirlo cliccare sul file "postacert.eml" (nella webmail o in alcuni client di posta l'allegato potrebbe avere come nome l'oggetto del messaggio originale).
L'allegato daticert.xml contiene informazioni di servizio sulla trasmissione
- Ricevuta di avvenuta consegna del messaggio indirizzato a ambiente.comunecapaci@pec.it "posta certificata" --
Il giorno 05/09/2014 alle ore 15:37:13 (+0200) il messaggio con Oggetto
"OSSERVAZIONI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE ITALCEMENTI ISOLA DELLE FEMMINE" inviato da "giuseppeciampolillo@pec.it"
ed indirizzato a
"ambiente.comunecapaci@pec.it"
è stato correttamente consegnato al destinatario.
Identificativo del messaggio: opec275.20140905153712.01653.06.4.17@pec.aruba.it
Il messaggio originale è incluso in allegato, per aprirlo cliccare sul file "postacert.eml" (nella webmail o in alcuni client di posta l'allegato potrebbe avere come nome l'oggetto del messaggio originale).
L'allegato daticert.xml contiene informazioni di servizio sulla trasmissione

OSSERVAZIONI RINNOVO A.I.A. ITALCEMENTI ISOLA DELLE FEMMINE 02-09-14




 

Art. 35 SBLOCCA ITALIA 

Misure urgenti per la realizzazione su scala nazionale di un sistema adeguato e integrato di gestione dei rifiuti urbani e per conseguire gli obiettivi di raccolta differenziata e di riciclaggio. Misure urgenti per la gestione e per la tracciabilita' dei rifiuti nonche' per il recupero dei beni in polietilene

1. Entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, il Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, sentita la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, con proprio decreto, individua a livello nazionale la capacita' complessiva di trattamento di rifiuti urbani e assimilati degli impianti di incenerimento in esercizio o autorizzati a livello nazionale, con l'indicazione espressa della capacita' di ciascun impianto, e gli impianti di incenerimento con recupero energetico di rifiuti urbani e assimilati da realizzare per coprire il fabbisogno residuo, determinato con finalita' di progressivo riequilibrio socio-economico fra le aree del territorio nazionale e nel rispetto degli obiettivi di raccolta differenziata e di riciclaggio, tenendo conto della pianificazione regionale. Gli impianti cosi' individuati costituiscono infrastrutture e insediamenti strategici di preminente interesse nazionale, attuano un sistema integrato e moderno di gestione di rifiuti urbani e assimilati, garantiscono la sicurezza nazionale nell'autosufficienza, consentono di superare e prevenire ulteriori procedure di infrazione per mancata attuazione delle norme europee di settore e limitano il conferimento di rifiuti in discarica.
2. Ai medesimi fini di cui al comma 1, entro centottanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, il Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, effettua la ricognizione dell'offerta esistente e individua, con proprio decreto, il fabbisogno residuo di impianti di recupero della frazione organica dei rifiuti urbani raccolta in maniera differenziata, articolato per regioni; sino alla definitiva realizzazione degli impianti necessari per l'integrale copertura del fabbisogno residuo cosi' determinato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano possono autorizzare, ove tecnicamente possibile, un incremento fino al 10 per cento della capacita' degli impianti di trattamento dei rifiuti organici per favorire il recupero di tali rifiuti raccolti nel proprio territorio e la produzione di compost di qualita'.
3. Tutti gli impianti di recupero energetico da rifiuti sia esistenti sia da realizzare sono autorizzati a saturazione del carico termico, come previsto dall'articolo 237-sexies del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, qualora sia stata valutata positivamente la compatibilita' ambientale dell'impianto in tale assetto operativo, incluso il rispetto delle disposizioni sullo stato della qualita' dell'aria di cui al decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 155. Entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, le autorita' competenti provvedono ad adeguare le autorizzazioni integrate ambientali degli impianti esistenti, qualora la valutazione di impatto ambientale sia stata autorizzata a saturazione del carico termico, tenendo in considerazione lo stato della qualita' dell'aria come previsto dal citato decreto legislativo n. 155 del 2010.
4. Gli impianti di nuova realizzazione devono essere realizzati conformemente alla classificazione di impianti di recupero energetico di cui alla nota 4 del punto R1 dell'allegato C alla parte quarta del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modificazioni.
5. Entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, per gli impianti esistenti, le autorita' competenti provvedono a verificare la sussistenza dei requisiti per la loro qualifica di impianti di recupero energetico R1 e, quando ne ricorrono le condizioni e nel medesimo termine, adeguano in tal senso le autorizzazioni integrate ambientali.
6. Ai sensi del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, non sussistendo vincoli di bacino al trattamento dei rifiuti urbani in impianti di recupero energetico, nei suddetti impianti deve comunque essere assicurata priorita' di accesso ai rifiuti urbani prodotti nel territorio regionale fino al soddisfacimento del relativo fabbisogno e, solo per la disponibilita' residua autorizzata, al trattamento di rifiuti urbani prodotti in altre regioni. Sono altresi' ammessi, in via complementare, rifiuti speciali pericolosi a solo rischio infettivo nel pieno rispetto del principio di prossimita' sancito dall'articolo 182-bis, comma 1, lettera b), del citato decreto legislativo n. 152 del 2006 e delle norme generali che disciplinano la materia, a condizione che l'impianto sia dotato di sistema di caricamento dedicato a bocca di forno che escluda anche ogni contatto tra il personale addetto e il rifiuto; a tale fine le autorizzazioni integrate ambientali sono adeguate ai sensi del presente comma.
7. Nel caso in cui in impianti di recupero energetico di rifiuti urbani localizzati in una regione siano smaltiti rifiuti urbani prodotti in altre regioni, i gestori degli impianti sono tenuti a versare alla regione un contributo, determinato dalla medesima, nella misura massima di 20 euro per ogni tonnellata di rifiuto urbano indifferenziato di provenienza extraregionale. Il contributo, incassato e versato a cura del gestore in un apposito fondo regionale, e' destinato alla prevenzione della produzione dei rifiuti, all'incentivazione della raccolta differenziata, a interventi di bonifica ambientale e al contenimento delle tariffe di gestione dei rifiuti urbani. Il contributo e' corrisposto annualmente dai gestori degli impianti localizzati nel territorio della regione che riceve i rifiuti a valere sulla quota incrementale dei ricavi derivanti dallo smaltimento dei rifiuti di provenienza extraregionale e i relativi oneri comunque non possono essere traslati sulle tariffe poste a carico dei cittadini.
8. I termini per le procedure di espropriazione per pubblica utilita' degli impianti di cui al comma 1 sono ridotti della meta'.
Nel caso tali procedimenti siano in corso alla data di entrata in vigore del presente decreto, sono ridotti di un quarto i termini residui. I termini previsti dalla legislazione vigente per le procedure di valutazione di impatto ambientale e di autorizzazione integrata ambientale degli impianti di cui al comma 1 si considerano perentori.

9. In caso di mancato rispetto dei termini di cui ai commi 3, 5 e 8 si applica il potere sostitutivo previsto dall'articolo 8 della legge 5 giugno 2003, n. 131.
10. Al comma 9-bis dell'articolo 11 del decreto-legge 31 agosto 2013, n. 101, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 ottobre 2013, n. 125, dopo le parole: «il Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare» sono inserite le seguenti: «, anche avvalendosi della societa' Consip Spa, per lo svolgimento delle relative procedure, previa stipula di convenzione per la disciplina dei relativi rapporti,».
11. All'articolo 182 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modificazioni, dopo il comma 3 e' inserito il seguente:
«3-bis. Il divieto di cui al comma 3 non si applica ai rifiuti urbani che il Presidente della regione ritiene necessario avviare a smaltimento, nel rispetto della normativa europea, fuori del territorio della regione dove sono prodotti per fronteggiare situazioni di emergenza causate da calamita' naturali per le quali e' dichiarato lo stato di emergenza di protezione civile ai sensi della legge 24 febbraio 1992, n. 225».
12. All'articolo 234 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modificazioni, sono apportate le seguenti modificazioni:
a) il comma 2 e' abrogato;
b) al comma 3 e' aggiunto, in fine, il seguente periodo: «In ogni caso, del consiglio di amministrazione del consorzio deve fare parte un rappresentante indicato da ciascuna associazione maggiormente rappresentativa a livello nazionale delle categorie produttive interessate, nominato con decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, sentito il Ministro dello sviluppo economico»;
c) al comma 13 sono aggiunti, in fine, i seguenti periodi: «Il contributo percentuale di riciclaggio e' stabilito comunque in misura variabile, in relazione alla percentuale di polietilene contenuta nel bene e alla durata temporale del bene stesso. Con il medesimo decreto di cui al presente comma e' stabilita anche l'entita' dei contributi di cui al comma 10, lettera b)».

13. Fino all'emanazione del decreto di cui al comma 13 dell'articolo 234 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, come modificato dal presente articolo, i contributi previsti dal medesimo articolo 234, commi 10 e 13, sono dovuti nella misura del 30 per cento dei relativi importi.
Emissioni, pochi dati e rischio infrazione,ITALCEMENTI,ISOLA DELLE FEMMINE, SANSONE,ZUCCARELLO,TOLOMEO,A.I.A.. DECRETO 693 ITALCEMENTI 2008,CANNOVA,ANZA',

Nessun commento: